Riconoscimento Facciale e Tutela della Privacy 🔏

Condividi questa notizia:

Il riconoscimento facciale e l’intelligenza artificiale (IA), oggi, collaborano per creare degli algoritmi che identifichino in modo univoco i volti. Come funziona, quindi, il riconoscimento facciale che sfrutta l’IA e quali sono i vantaggi e gli svantaggi?

Indice dei contenuti

Cos'è il riconoscimento facciale?

Oggigiorno conosciamo bene lo stretto rapporto che intercorre tra il riconoscimento facciale e l’IA. Il primo, sicuramente tra le invenzioni tecnologiche più innovative e rivoluzionarie del nostro tempo nel campo delle Information and Communication Technologies (ICT), è una tecnica biometrica capace d’identificare in modo univoco una persona sulla base dei suoi connotati facciali.

Tra le tecniche di riconoscimento facciale più diffuse esistono il riconoscimento facciale generalizzato e il riconoscimento facciale regionale adattativo; entrambi funzionano analizzando diversi punti nodali di un volto umano e sono in grado d’identificare una persona.

L’IA, invece, è una disciplina informatica che prova a ricreare le caratteristiche dell’“intelligenza umana”, tramite sistemi software e hardware.  

Come funziona un software di riconoscimento facciale?

Generalmente, i software di riconoscimento facciale si basano su immagini 2D, quindi non in grado di fornire i parametri tridimensionali utili a identificare un viso. Ad esempio, servendosi solo di immagini 2D e soprattutto in scarse condizioni di luminosità, un odierno device non è in grado di riconoscere la lunghezza del naso o la prominenza della fronte. A conti fatti, il riconoscimento facciale risulta inaffidabile e imperfetto.

face recognition

Riconoscimento facciale 3D

La tecnologia 3D può risolvere il problema. Il riconoscimento facciale 3D si ottiene attraverso una tecnica chiamata Laser Imaging Detection and Ranging (LIDAR). I dispositivi di scansione presenti nel device proiettano un impulso laser sul viso che, contemporaneamente, viene ripreso da una fotocamera a infrarossi (IR). In tal modo, lo strumento calcola quanto tempo impiegano i raggi infrarossi a rimbalzare dal viso al dispositivo.

L’IA fa il resto, utilizzando le informazioni ricevute per creare una mappa di profondità univoca del volto.

Termocamera per il riconoscimento facciale

Inoltre, impiegando una termocamera che non emette luce a IR, ma rileva quella emessa dagli oggetti, è possibile rilevare anche le sottili differenze di temperatura. Ci sono diversi modi per identificare un volto mediante la termocamera, ma si tratta di tecniche incredibilmente complicate. Vediamo perché:

Tipologie di riconoscimento facciale

Cerchiamo di capire come funzionano il riconoscimento facciale e alcune delle sue tante applicazioni:

face detection

I problemi del riconoscimento facciale

L’Australia è il Paese che più di tutti fa un uso massivo del riconoscimento facciale. In quel continente la tecnologia di riconoscimento facciale viene utilizzata sia per la patente di guida che per il rilascio/rinnovo del passaporto.

Inoltre, un disegno di legge federale permette alle agenzie governative e alle imprese private di usufruire dei documenti caricati nel vasto database nazionale per il riconoscimento facciale. Una misura del genere, secondo il governo australiano, dovrebbe diminuire i furti d’identità.

D’altra parte, chi ottiene il passaporto firma un modulo di autorizzazione per l’utilizzo delle proprie foto ai fini della corrispondenza biometrica. Ovviamente, com’era prevedibile, i “sostenitori della privacy” non si dichiarano d’accordo, ritenendo che i benefici di questo sistema non giustifichi l’intrusione nella vita privata delle persone. Il metodo altamente invasivo per la raccolta dati del viso include, infatti, anche la videosorveglianza.

Il GENERAL DATA PROTECTION REGULATION (GDPR) e il riconoscimento facciale

Tra le norme che regola il GDPR vi sono anche quelle inerenti all’uso del riconoscimento facciale e della biometria massiva. Di seguito, un elenco degli articoli più significativi.

Per trattare legalmente i dati biometrici è necessario utilizzare una delle basi giuridiche previste dall’art. 9.2, ovvero il consenso esplicito dell’interessato.

Il consenso per il trattamento dei dati personali

Il consenso esplicito per il trattamento dei dati personali è richiesto quando emergono gravi rischi per la protezione dei dati, come nel caso del riconoscimento facciale. Per l’ottenimento del consenso serve una dichiarazione inequivocabile esplicita dell’interessato, magari in forma di dichiarazione scritta firmata.

In un contesto online, l’interessato può dare il consenso tramite un modulo elettronico, inviato via e-mail oppure utilizzando una firma elettronica. Ovviamente, l’interessato può anche di diritto revocare il proprio consenso in ogni momento.

La Valutazione di Impatto del Trattamento

La Valutazione di Impatto del Trattamento (Data Protection Impact Assessment, DPIA) è fondamentale per ridurre al minimo il rischio della diffusione dei dati personali nel riconoscimento facciale. Consiste in un’autonoma valutazione effettuata dal Titolare del trattamento per analizzare la necessità e i rischi del trattamento stesso. È richiesta obbligatoriamente in questi casi:

Per determinare se un trattamento è stato svolto su larga scala si deve far riferimento al numero degli interessati, al volume e alla tipologia di dati, alla durata e all’ambito geografico dell’attività di trattamento.

La valutazione di impatto deve contenere i seguenti documenti:

facial recognition

Come garantire la sicurezza dei dati personali

Per proteggere i dati, nell’online e nel digitale, si provvede a renderli del tutto anonimi, ad esempio rimuovendo il nominativo prima che vengano registrati in un database. Il software di anonimizzazione dei dati crea un alto livello di sicurezza, ma in alternativa esiste la pseudonimizzazione. Si tratta di una tecnica che impedisce ai dati di essere attribuiti a una persona specifica senza l’utilizzo d’informazioni aggiuntive, conservate separatamente e soggette a misure tecniche di garanzia.

Tra le misure adottate dal GDPR ci sono:

Tutela della privacy e riconoscimento facciale

L’autorità privacy svedese ha sanzionato una scuola superiore, per aver utilizzato un sistema di riconoscimento biometrico e facciale per registrare le presenze degli studenti. Tramite telecamere intelligenti veniva catturata e registrata la presenza degli studenti, allo scopo di automatizzare le operazioni giornaliere e risparmiare i canonici 10 minuti, oltre che circa 18 mila euro l’anno.

I dati biometrici sono stati catturati dalle telecamere sotto forma di fotografie dei volti degli studenti e memorizzati in un computer senza connessione Internet. Il consenso esplicito è stato raccolto dai legali rappresentanti degli studenti, ma ciononostante non è stata effettuata nessuna DPIA né una consultazione. Motivo per cui, secondo l’autorità privacy di Stoccolma, la scuola ha violato alcuni articoli del GDPR.

Se il tema della privacy ti sta a cuore, continua a leggere gli articoli del JOurnal di PMF Research. In alternativa, se hai bisogno di una consulenza o cerchi un partner per progetti di ricerca e sviluppo (R&S) nel settore delle ICT contattaci, compilando il modulo qui in basso.

Cerchi partner per progetti ICT? Chiedi a PMF Research compilando il contact form