Intelligenza artificiale (IA)

L’intelligenza artificiale (IA) è la simulazione dei processi di intelligenza umana da parte dei sistemi informatici. Questi sistemi intelligenti includono l’apprendimento (l’acquisizione di informazioni e regole per l’utilizzo delle informazioni), il ragionamento (l’uso delle regole per raggiungere conclusioni approssimative o definitive) e l’autocorrezione.

Nell’ambito dell’intelligenza artificiale, le applicazioni pratiche dal punto di vista delle abilità intellettuali si basano su quattro differenti livelli funzionali:

  • Comprensione: attraverso la simulazione di capacità cognitive di correlazione dati ed eventi, l’intelligenza artificiale è in grado di riconoscere testi, immagini, tabelle, video, voce ed estrapolare informazioni da essi;
  • Ragionamento: grazie agli algoritmi i sistemi riescono a collegare le molteplici informazioni raccolte;
  • Apprendimento: l’IA sfrutta sistemi con funzionalità specifiche per l’analisi degli input di dati e per la loro corretta restituzione in output;
  • Interazione: la tecnologia interagisce con l’uomo attraverso tecnologie che sfruttano il linguaggio naturale.

Intelligenza artificiale: applicazioni

L’intelligenza artificiale, grazie ai suoi sistemi intelligenti, può semplificare la vita di aziende e utenti, in particolare in questi settori:

  • Health: Le aziende applicano l’apprendimento automatico per fare diagnosi migliori, più veloci e per individuare un trattamento specialistico e personalizzato. Altre applicazioni includono i chatbot, dei programmi online per rispondere alle domande e assistere i pazienti e anche prenotare gli appuntamenti;
  • Business e finanza: applicata a compiti sempre più complessi normalmente eseguiti dagli esseri umani. Gli algoritmi di apprendimento automatico vengono integrati nelle piattaforme di analisi e CRM per individuare informazioni su come servire meglio i Clienti. I chatbot sono stati incorporati nei siti web per fornire un servizio immediato ai Clienti;
  • e-Learning: per migliorare le performance dei programmi didattici rivolti sia agli alunni della scuola sia ai collaboratori di un’azienda, ottimizzando la formazione aziendale tramite corsi di e-learning personalizzati. Così facendo, da una parte si migliora l’esperienza formativa dei corsisti e dall’altra si facilita la gestione delle piattaforme e-learning per gli amministratori dei learning management system;
  • Industria: i robot, già utilizzati da tempo nel settore industriale, riescono a sostituire l’uomo migliorando le performance produttive;
  • Vendite: grazie all’utilizzo di sistemi che permettono agli utenti, anche non esperti, di risolvere problemi particolarmente complessi per i quali servirebbe necessariamente l’intervento di un essere umano. I sistemi permettono di trovare una soluzione al problema anche senza richiedere l’intervento di un esperto, con un processo induttivo o deduttivo che porta ad una conclusione;
  • Marketing: gli assistenti vocali/virtuali (come Siri di Apple o Alexa di Amazon) sfruttano l’intelligenza artificiale sia per il riconoscimento del linguaggio naturale, che per l’analisi dei comportamenti degli utenti. Questo serve a migliorare la customer care e la user experience, per poter così prevedere i comportamenti di acquisto e pianificare strategie di comunicazione e di proposta dei servizi;
  • Cybercrime: l’IA può aiutare a prevenire le frodi grazie alle “advanced analytics”, ovvero delle analisi molto sofisticate che legano dati, eventi, comportamenti e abitudini per capire in anticipo eventuali attività fraudolente. I seguenti sistemi possono essere applicati anche all’interno di altri contesti aziendali, per la mitigazione dei rischi, la protezione delle informazioni e la lotta al cybercrime;
  • Supply chain: nella gestione degli ordini, grazie a tecnologie che sfruttano l’intelligenza artificiale per semplificare e integrare tra loro i processi che riguardano gli acquisti, la gestione del magazzino, le vendite e l’integrazione con il marketing;
  • Pubblica sicurezza: per il miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia della sicurezza pubblica, per esempio per la sicurezza e la prevenzione dei crimini o per la prevenzione e la gestione di calamità naturali come terremoti e tsunami.

Intelligenza artificiale: vantaggi

L’intelligenza artificiale, con i suoi sistemi intelligenti, ha un forte impatto sul lavoro e sulla vita di tutti i giorni, poiché questa tecnologia apporta un valore aggiunto in differenti settori:

  • Maggiore precisione nei trasporti: grazie all’automatizzazione, molti lavori vengono svolti con una maggiore accuratezza e con un margine di errore inferiore. Nel settore dei trasporti, ad esempio, il 95% degli incidenti stradali è causato da errori umani. Con le macchine autoguidate gli incidenti si riducono quasi del 90%. I sensori intelligenti, infatti, sono in grado di elaborare in tempo reale i percorsi più veloci e ridurre il tempo di permanenza nel traffico;
  • Sperimentazioni precise nel campo medico: le sperimentazioni in corso riguardano soprattutto la diagnostica, poiché permettono di analizzare e mettere a confronto storie cliniche e casi patologici, identificando dettagli che spesso sfuggono all’occhio umano;
  • Creazione di nuove professioni: nascita di nuove figure professionali che prima non era possibile neanche immaginare;
  • Protezione e sicurezza: elaborare in poco tempo quantità di dati impensabili per gli umani, tenendo sotto controllo i flussi di transazioni finanziarie e prevenendo le frodi;
  • Miglioramento dell’ambiente: l’automazione tramite intelligenza artificiale sarà in grado di migliorare le attuali condizioni ambientali e di monitorare lo stato dei campi in tempo reale e in maniera environmentally friendly. Si pensi all’utilizzo dei droni in agricoltura.